Tempo di lettura: 4 minuti
Paolo Donzelli, pilota e organizzatore del campionato Italian Rental Karting ci parla del campionato IRK, delle sue caratteristiche e del format. Un campionato adatto a chiunque voglia avvicinarsi al mondo del motorsport, scoprite perchè in questo estratto dell’intervista!

Il motorsport ad alti livelli è sempre molto costoso, come ci ha confermato anche Jonathan Cecotto, ma esistono alcuni campionati davvero alla portata di tutti. Tra questi c’è l’Italian Rental Karting, in cui è possibile gareggiare senza possedere un kart proprio. Ce ne ha parlato Paolo Donzelli nell’intervista che riportiamo qui sotto e che potete trovare, come sempre in versione integrale, nella puntata #68 di Full Gas.

Paolo, parlaci un po’ del campionato IRK di cui sei organizzatore.

Il campionato si chiama Italian Rental Karting (IRK) o “Coppa Italia” e si compete con i kart noleggiabili in pista. L’obiettivo è quello di professionalizzare il panorama dell’endurance, che è cresciuto molto negli ultimi anni. Per partecipare è sufficiente formare un proprio team di amici con cui correre, anche se poi l’obiettivo è sempre quello di migliorarsi e poter competere contro i migliori team del panorama nazionale.

Il logo del Campionato IRK 2022

Non è necessario possedere il kart, quindi.
No. E’ uno sport alla portata di tutti, basta portarsi una tuta o un casco e si può girare. Il Kart viene fornito dall’organizzazione.

Per partecipare serve avere delle qualità di pilota?
In linea di massima nessuna, basta avere passione. Per le gare endurance è necessario formare un team o appoggiarsi ad un team esistente. Per le gare sprint basta iscriversi: questa è la forza del rental karting. Portiamo anche avanti una logica di categorizzazione dei piloti in base al loro livello, come avviene nel GT. Un team di piloti alla prima esperienza può quindi competere anche per risultati importanti.

C’è un numero minimo di partecipanti ad un team?
Varia in base alla gara. Nella gara di domenica scorsa, durata 7 ore, il minimo di partecipanti era di due piloti per team.

Su quante gare si articola il campionato?
Quest’anno sono sette gare. Abbiamo aumentato rispetto alle sole quattro gare dell’anno scorso, con la possibilità di due scarti. Questo serve a permettere anche ai team più piccoli di partecipare alle premiazioni e competere per i premi. Le gare variano da 7 a 24 ore in tutto il territorio nazionale, dalla Sicilia al Friuli Venezia Giulia.

Il livello è molto vario, si va dai neofiti ai piloti molto esperti. Me lo confermi?
Esattamente. Il nostro format sembra piacere perchè chiunque, dai professionisti ai neofiti, può partecipare. Nell’ultima gara c’è stato anche un team tutto al femminile che si è difeso molto bene.

Paolo Donzelli impegnato in pista

In più, la nostra Carolina Tedeschi ti affianca nella gestione dei media.
Esatto. Noi tre abbiamo iniziato il percorso insieme e Carolina sta ottenendo risultati straordinari, come anche te con Full Gas che è partner del campionato Italian Rental Karting 2022. Carolina ci ha seguito e ci seguirà in futuro, nonostante i suoi molti impegni. E’ un valore aggiunto per il campionato.

I kart cambiano a seconda della pista, ma ci spieghi le loro caratteristiche base?
Al momento corriamo con i kart Sodi, ma nel 2023 vorremmo aprirci anche ad altre marche per sviluppare il campionato. Una nostra evoluzione sarà quella di abbracciare il multimarca, rimanendo sempre nel’ambito del rental.

Come si svolge un weekend di gara?
Dipende dalla durata della gara. Le gare di 24 ore partono dal venerdì, con le prove libere, mentre il sabato ci sono le prove libere ufficiali, le qualifiche e lo start. In queste gare già portare a termine la gara è un grande risultato. Per le gare di 7 ore invece si fa tutto nella giornata di domenica.

Gli equipaggi della classe EK1 sul podio della “7h di Lignano” del campionato IRK 2022

E’ un campionato amatoriale, ma tu e il tuo team garantite il massimo rispetto del regolamento. Commissiari, direttore di gara, transponder… c’è tutto.
Esattamente. Una grande novità del 2021, che ho voluto fortemente, è stata la creazione della Safety Commission. Abbiamo unito i vari team manager e qualsiasi tipo di decisione regolamentare viene proposta, discussa e approvata dalla Safety Commission. Le regole vengono sempre rispettate e puntiamo anche a sviluppare delle innovazioni regolamentari grazie alle competenze di persone abituate a fare gare.

Dove si possono trovare informazioni?
Il sito del campionato è http://irkarting.com/. Potete vedere tutto il campionato e trovare tutte le informazioni, oltre ai miei contatti e le mail. Siamo anche su Facebook e Instagram. Da quest’anno abbiamo anche un parter tecnico: OMP e Bell sono partener tecnici per Italian Rental Karting 2022.

Ringraziamo Paolo per averci raccontato il campionato Italian Rental Karting di cui è organizzatore e auguriamo un brillante futuro a lui è all’Italian Rental Karting.

, , , ,
Post Simili
Latest Posts from Full Gas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.