Tempo di lettura: 3 minuti

Il primo Gran Premio del Qatar si conclude con la vittoria di Lewis Hamilton, che restringe il distacco ad 8 punti dal leader del Campionato, Max Verstappen. Prestazione oltre ogni limite per Fernando Alonso con la Alpine, che con il terzo posto di Losail si riaffacci sul podio (in P3) dopo sette anni. Prestazione opaca per le Ferrari (P7 Sainz, P8 Leclerc) che nonostante tutto allungano il distacco sulla McLaren.

Il Gran Premio del Qatar assegna la vittoria alla Mercedes n.44 di Lewis Hamilton, mantenendo apertissima la lotta per il mondiale con Max Verstappen.

L’olandese, penalizzato in griglia, per il mancato rispetto delle bandiere gialle durante le qualifiche, non può assolutamente nulla contro lo strapotere di una Mercedes che sembra aver ritrovato smalto in questo finale di stagione.

Nonostante l’ottima partenza e le tre posizioni guadagnate allo start “Super Max” infatti non avrebbe potuto ottenere più della seconda posizione, visti i tempi sul giro battuti dall’ inglese.

Già dal 9° giro il campione del mondo in carica ha segnato il passo. Arrivando alla 18^ tornata con un vantaggio di 8”2 sul rivale della Red Bull. Un distacco difficilmente colmabile, che ha determinato fin da subito l’esito della gara in terra araba.

Max Verstappen – Red Bull

Neanche i due cambi gomme al 19° ed al 41° giro hanno permesso a Verstappen di sopravanzare, il leader della gara che ha marcato stretto il rivale anche nelle scelte degli pneumatici ai pit-stop.

Unica consolazione per lui, oltre al secondo posto comunque prezioso, il punto addizionale per il giro più veloce che gli ha permesso di limitare il distacco nel punteggio finale.

Terza posizione per un vero “leone” del Qatar : Fernando Alonso. Il grande campione spagnolo ha rinverdito una grinta da vero fuoriclasse, conquistando un podio che non vedeva da ben sette anni e tornando protagonista. L’asturiano incitando i suoi (Ocon compreso, in P5 alla fine) ha sfoderato oltre all’ indiscusso talento una fame di competizione veramente fuori dal comune. Ribadendo, alla rispettabile età di quarant’anni, che per alcuni l’età è solo un fatto anagrafico.

Fernando Alonso – Alpine F1 Team

In P4 un Sergio Perez arrembante che ha cercato sino alla fine di prendersi il terzo gradino del podio. E che nonostante una ottima condotta di gara nulla ha potuto contro il pilota di Oviedo, in totale “stato di Grazia”.

Sesta l’Aston Martin di Lawrence Stroll, che precede le due Ferrari di Carlos Sainz Jr. (P7) e Charles Leclerc (P8) decisamente meno brillanti che nei GP precedenti. Le due Rosse hanno concluso quasi doppiate, costrette ad una strategia di risparmio sul consumo degli pneumatici che ne hanno inevitabilmente rallentato i ritmi. Un gran premio del Qatar difficile che però non ha impedito alla Ferrari di allungare sulla diretta inseguitrice per il terzo posto in classifica; la McLaren di Lando Norris e Daniel Ricciardo rispettivamente in P9 e P12.

Con un +10 che porta il Cavallino a 39,5 punti dalla squadra di Woking.

Prossima gara, tra due settimane in Arabia Saudita sul nuovissimo circuito di Jeddah, penultimo appuntamento del mondiale 2021.

Questo l’ordine di arrivo al termine del GP del Qatar:

, , , , , ,
Post Simili
Latest Posts from Full Gas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.