Tempo di lettura: < 1 minuto

Dopo l’incidente tra Hamilton e Verstappen alla prima variante, La FIA risponde alle polemiche emerse per la conformazione dei “salsicciotti” presenti sui cordoli

Al di là della correttezza o meno della manovra di Verstappen, è saltato all’occhio di tutti i gli spettatori il fatto che la Red Bull abbia perso aderenza con l’asfalto a causa del salsicciotto presente sul cordolo della prima variante.

Subito dopo l’accaduto si sono sollevate delle polemiche sull’opportunità o meno di conservare questa conformazione, oppure se toglierlo e privilegiare la sicurezza.

il salsicciotto serve sostanzialmente ad evitare che i piloti taglino troppo la variante, guadagnandone così un vantaggio che, visto il lungo tratto di circuito che li separa dalla successiva staccata, può essere quantificato in circa 3 decimi.

A proposito di questa polemica, Michael Masi si è espresso a favore del mantenimento di questa conformazione dei cordoli, spiegando sostanzialmente che hanno funzionato esattamente come previsto e per come sono stati progettati.

Le sue testuali parole sono state:”Penso che in quella situazione i cordoli abbiano funzionato piuttosto bene. E’ una questione di scelta del pilota, puoi decidere di deviare verso la via di fuga oppure passare sopra il salsicciotto. Si è visto infatti numerose volte durante questo weekend, quando altri piloti hanno scelto la via di fuga.”

Incalzato sulla penalità di 3 posizioni in griglia per il prossimo GP, Masi ha detto “Se fossero stati in grado di riprendere la gara, ci sarebbe stata una penalità in termini di secondi, ma essendo uscite entrambe le macchine abbiamo optato per questa decisione”.

Fabrizio Monaco

Ideatore di Full Gas e pilota amatoriale. Mi interesso di tutto ciò che abbia quattro ruote, un telaio e un motore.

Post Simili
Latest Posts from Full Gas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.