Tempo di lettura: 2 minuti

Intervistato da Sky nel dopo gara, il team principal di Maranello ha definito la gara positiva, nonostante entrambe le rosse siano state doppiate

Sin dalle prime fasi iniziali di gara, è stato subito chiaro che, non solo le Ferrari avrebbero faticato, ma che avrebbero preso dei distacchi enormi da quelli davanti. Alla fine un quinto e un settimo posto, con Sainz che ha pubblicamente ammesso di non aver avuto feeling con la macchina fin dal primo giro.

E’ vero, la Ferrari ha guadagnato 15 punti sulla McLaren, ma come ha giustamente detto proprio Binotto, il terzo posto in classifica costruttori non dev’essere definito come un obiettivo, la Ferrari merita altro, ed è per questo che proprio il team principal ha ribadito che si continua a lavorare per il 2022 e che sì, gli altri partiranno da una base migliore di quella della Ferrari.

Se da un lato quindi si “festeggia” per i 15 punti dati momentaneamente alla McLaren, in Ferrari continua quello che ho più volte definito come un “allineamento verso il basso”. Avete presente quando tutto sembra andarvi male e la cosa persiste per un bel po’ di tempo? Ecco, in quella situazione, quando succede una minima cosa positiva la vedete come una salvezza, ma una rondine non fa e non deve fare primavera. Così come la Ferrari non può definire positiva una gara dove entrambe le macchine sono state doppiate.

Binotto che continua ad avere un atteggiamento discordante e contraddittorio a seconda di come vanno i weekend di gara. Una settimana smentisce che il terzo posto sia un obiettivo, mentre oggi afferma “Complessivamente sono contento. Anche con i piloti ci siamo detti di non prendere rischi, di portare a casa punti per il Mondiale Costruttori”.

Più chiari sono apparsi i due piloti in rosso, dando anche dei dettagli interessanti sull’interpretazione della gara e della strategia. Leclerc è rimasto sorpreso dal fatto che le gomme medie di Gasly siano durate così tanto, mentre Sainz ha ammesso di essere stato incomprensibilmente lento.

Premesse non ottime per presentarsi a Monza, davanti al pubblico di casa, il quale dovrà anche dimostrare di essere all’altezza dello spettacolo offerto dei fan di Verstappen.

La Ferrari pecca di velocità di punta e di efficienza aerodinamica e si può solo sperare che questi problemi sprariranno poi nello sconvolgimento di regole del 2022.

Imbeccato sul 2022, Binotto conclude dicendo “Per i progressi che vedo non voglio dire di essere fiducioso, ma la squadra in questo momento ha una buona dinamica nello sviluppo, nell’integrazione tra i reparti, positività sul progetto. Non sappiamo quello che stanno facendo i nostri concorrenti.”

Fabrizio Monaco

Ideatore di Full Gas e pilota amatoriale. Mi interesso di tutto ciò che abbia quattro ruote, un telaio e un motore.

Post Simili
Latest Posts from Full Gas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.