Tempo di lettura: 3 minuti

In un pomeriggio ventoso ed assolato, Valtteri Bottas agguanta la sua 17^ pole position in carriera. Hamilton è alle sue spalle e per soli 7 millesimi di secondo vede sfumare il primato dei 100 primi posti in griglia. Verstappen dopo l’annullamento del tempo più veloce, sempre a causa del superamento del limite della pista, si riprende un terzo posto decisamente al limite. Ferrari in P6 con Sainz e P8 con Leclerc.

 Sull’ Autodromo Internacional do Algarve, a Portimao, la Mercedes conquista l’intera prima fila del GP del Portogallo. Davanti a tutti  però non c’è Lewis Hamilton, ancora alla ricerca della centesima pole position, ma il suo compagno di squadra Valtteri Bottas con un vantaggio di soli 7 millesimi di secondo. Il finlandese dopo il bruttissimo incidente di Imola in questo fine settimana ha recuperato fiducia tornando durante tutte le sessioni di prove a ridosso del capo classifica.

Per Hamilton la pole di Portimao, avrebbe avuto un significato particolare proprio in funzione della data nella quale sarebbe stata maturata. Il pilota inglese avrebbe potuto conquistare a sua 100^ pole proprio nell’ anniversario della scomparsa del suo idolo automobilistico: Ayrton Senna. Un ideale passaggio del testimone che il sette volte Campione del Mondo ha soltanto sfiorato, a causa di un giro non del tutto perfetto che gli ha impedito la pole.

Lewis Hamilton – Mercedes AMG

“Gran lavoro di Bottas, due macchine in prima fila non ce lo aspettavamo” ha dichiarato Hamilton. “Temevamo che Verstappen potesse dare il colpo nel finale. Neanche io ho fatto il giro perfetto ma va bene così. Non si può mai essere soddisfatti, bisogna continuare a spingere e progredire”

La seconda fila è interamente occupata dalla Red Bull, con Verstappen terzo dopo il primo giro della Q3 ha visto cancellato il tempo con il quale si era assicurato la pole position. Tutto a causa della controversa applicazione della regola relativa al superamento dei limiti della pista.

L’olandese aveva infatti superato con tutte e quattro le ruote, la riga bianca che delimita il nastro d’asfalto nella zona della curva 4 del circuito. Per lui solo un ultimo giro a disposizione, con il quale ha potuto posizionare la sua vettura sulla 3^ piazzola della griglia di partenza a 4 decimi dal capofila Bottas.

Alla fine delle qualifiche, Verstappen, non ha voluto rilasciare alcuna dichiarazione alla stampa. Allontanando i giornalisti con un gesto stizzito che chiarisce senza ombra di dubbio l’umore del pilota della Red Bull.

Alle sue spalle Sergio Perez che in un ultimo sussulto poco prima della fine della Q3 ha agguantato la posizione a fianco di Verstappen. È un’ ottima conferma della competitività per la vettura inglese che in Portogallo ha portato un pacchetto aerodinamico determinante per il recupero del carico aerodinamico perso con e nuove norme regolamentari.

Quinto posto per la Ferrari di un entusiasta Carlos Sainz, che per la prima volta si piazza in griglia davanti al compagno di squadra Charles Leclerc (P8).  Il monegasco qui in Portogallo, è apparso oggi in difficoltà sia con le gomme soft che con le medie. Decidendo l’utilizzo di queste ultime nella Q2 più in vista del passo gara che del giro secco in qualifica. Leclerc ha permesso così alla Ferrari n. 55 di avvicinarsi alla seconda fila, a sei decimi e mezzo dalla pole. Lo spagnolo si è dichiarato particolarmente soddisfatto del comportamento della vettura.

“Sento la macchina più mia. Ho trovato un paio di cose che hanno funzionato e che mi hanno permesso di andare più forte. Sono un po’ geloso” ha dichiarato naturalmente scherzando. “Anch’io preferirei partire con le gialle, ma alla fine ho preferito non rischiare”.

Carlos Sainz Jr. – Ferrari

Buona prestazione per Lando Norris, sempre superiore durante tutti e tre i turni delle qualifiche rispetto al compagno di squadra Daniel Ricciardo, escluso addirittura dalle Q2 in P16.

In P7 Esteban Ocon, anche lui migliore del compagno di squadra Fernando Alonso, ancora alle prese con problemi di adattamento ad un Alpine per la verità non particolarmente prestante.

Dopo Leclerc in P8 si attesta in P9 l’ Alpha Tauri di Pierre Gasly, sempre abbastanza competitivo in tutti e tre i turni di qualifica. Anche se leggermente sottotono qui in Portogallo, rispetto alle ultime prestazioni in pista.

Nella giornata odierna con un P10, torna nella top ten Sebastian Vettel. Assente dalle prime 10 posizioni in griglia sin da “Silverstone 1” dello scorso anno, ovvero da ben 15 GP. Una vera sorpresa dopo tutte le difficoltà manifestate dal tedesco nelle prove libere.

Questa la griglia di partenza per il GP di domani, con partenza alle 16:00 :

, , , ,
Post Simili
Latest Posts from Full Gas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.