Mercedes F1
Tempo di lettura: < 1 minuto

A Portimao continua il duello tra i due protagonisti delle prime gare di campionato, anche se è solo venerdi. Le Ferrari confermano le buone sensazioni, ponendo l’attenzione sul terzo posto in classifica costruttori

Il vento fa da protagonista in entrambe le sessioni di libere del venerdi, con particolare veemenza nelle FP2, le quali hanno avuto un inizio ritardato di 12 minuti a causa di un problema ad un tombino, prontamente riparato dagli addetti.

Nelle FP1 Hamilton ha fatto registrare il giro più veloce in 1:19.837, mentre stamattina aveva concluso solamente al quinto posto, non riuscendo a mettere insieme un giro veloce.

Verstappen immeditatamente dietro, distanziato di circa un decimo e mezzo. L’olandese a dire la verità ha lamentato vibrazioni strane sulla macchina e poi un problema a un pedale, che lo ha costretto a perdere tempo e probabilmente a non sfruttare appieno il potenziale della sua Red Bull.

Numerosi i tempi cancellati a causa del superamento dei track limits, punto sul quale non si placano le polemiche.

La Ferrari di Sainz utilizzava un nuovo fondo, che però non verrà portato nelle sessioni ufficiali, ma forse vedremo in seguito durante le prossime gare.

Questo nuovo dettaglio tecnico sulla Ferrari sembra abbia portato dei vantaggi allo spagnolo, tanto che è riuscito a girare più velocemente rispetto a Leclerc.

Bene anche le Alpine, con Alonso che conclude appena 15 millesimi più veloce di Ocon.

Solo settimo Leclerc, probabilmente ancora qualcosa da rifinire nel setup per lui.

Bene anche Ricciardo, meno bene Norris, classificatosi appena 12mo, con la McLaren che dovrà fare un lavoro extra per trovare il giusto setup per domani.

https://twitter.com/F1/status/1388151907131211779/photo/1
, , ,
Fabrizio Monaco

Ideatore di Full Gas e pilota amatoriale. Mi interesso di tutto ciò che abbia quattro ruote, un telaio e un motore.

Post Simili
Latest Posts from Full Gas

1 Comment

  1. […] Formula 1 | Ancora battaglia Hamilton-Verstappen nelle FP2 […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.