Oliver Turvey
Tempo di lettura: 3 minuti

Prima gara piuttosto complicata per il NIO 333 Formula E Team, ma il lato positivo è caratterizzato dal piazzamento a punti di Blomqvist

Il primo dei due Rome E-Prix di Formula E si è rivelato da subito difficile per il team NIO.

Nelle FP1 della mattina, Turvey si è reso protagonista di un incidente dopo la fine della sessione. Forse non si era accorto della presenza degli altri piloti pronti per la simulazione della partenza, oppure c’è stato un problema di comunicazione con il muretto, fatto sta che Oliver Turvey si è schiantato quasi a tutta velocità contro le vetture che sostavano in attesa di simulare lo start.

Macchina distrutta per lui e di conseguenza è rimasto escluso sia dalle qualifiche che dalla gara. Fortunatamente tutti i piloti non hanno subìto conseguenze fisiche.

Tom Blomqvist anche non ha avuto vita facile, è infatti stato penalizzato di tre posti in griglia a causa del superamento dei limiti di velocità in pit lane, inoltre anche lui ha riportato dei danni alla vettura, dopo un contatto col muro sulla curva che immette su via Cristoforo Colombo.

La gara fortunatamente lo ha visto recuperare parecchie posizioni, anche complici i crash dei piloti che lo precedevano, ed è stato in grado di arrivare al termine andando a punti

Dopo la gara Blomqvist ha dichiarato:

Prima di tutto, voglio solo dire grazie alla squadra, ai miei meccanici che hanno lavorato molto duramente dopo le FP1 per tirarmi fuori di nuovo. Non correre nelle FP2 a causa della bandiera rossa è stato deludente e questo mi ha messo in difficoltà oggi davvero . Non è mai bello entrare alle qualifiche alla cieca, quindi non ho fatto il miglior giro della mia carriera, volevo solo sopravvivere.

Purtroppo, partendo dalle retrovie, abbiamo avuto anche una piccola penalità, che non ha aiutato. Quindi la gara è stata piuttosto selvaggia in realtà. Ha iniziato a piovere e poi è stato solo caos – ho solo cercato di sopravvivere, risparmiando un po ‘di energia all’inizio. Poi gli altri piloti si sono praticamente auto eliminati e siamo stati in grado di tirare fuori un punto, quindi penso che dobbiamo essere un po’ felici dopo una giornata dura. Dobbiamo concentrarci sul domani e cercare di imparare da oggi e vedere

Oliver Turvey dal canto suo ha affermato:

È stata una giornata davvero dura, per la quale chiedo scusa alla squadra, dopo che una serie di circostanze sfortunate ha portato all’incidente alla fine delle prove libere che ci hanno fatto perdere le qualifiche e l’inizio della gara.

L’intero team ha lavorato molto duramente per preparare la macchina ed eravamo pronti a partire verso la fine della gara, ma sfortunatamente non ci è stato permesso di entrare in pista a causa di una safety car. Vorrei ringraziare tutti i meccanici e il team per tutto il loro duro lavoro per rimettere insieme la macchina e darò il massimo per premiare tutti con una bella gara domani

Chiude il cerchio Christian Silk, team principal NIO

la sua è stata sicuramente una giornata difficile per la squadra, dalle prove libere 1 fino alla fine della gara. Ovviamente il danneggiamento di entrambe le vetture in FP1 ha messo in difficoltà il team, soprattutto su un nuovo circuito impegnativo dove ottenere il massimo chilometraggio è così importante sia per i piloti che per gli ingegneri per imparare il massimo sulla pista.

Sulla vettura n. 8, nonostante il massimo impegno del nostro equipaggio, non è stato possibile far riparare l’auto in tempo: il danno era semplicemente troppo grande.
Dall’altra parte del box Tom ha fatto una gara solida. Gli mancavano anche i giri a causa degli incidenti di questa mattina, ma Tom si è fatto strada raccogliendo una solida P11 (ora P10) alla fine della gara. Data la giornata difficile che la squadra ha vissuto, conquistare un punto per il campionato è il miglior risultato che avremmo potuto sperare.
Finire con un ritmo positivo in gara è sembrato buono, quindi possiamo affrontare domani con nuovo ottimismo. Vorrei solo dire grazie ancora al team!

Domani entrambe i piloti avranno la possibilità di dimostrare il loro valore nel Round 4 del Rome E-Prix

,
Fabrizio Monaco

Ideatore di Full Gas e pilota amatoriale. Mi interesso di tutto ciò che abbia quattro ruote, un telaio e un motore.

Post Simili
Latest Posts from Full Gas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.