Tempo di lettura: 2 minuti

La Alpine 2021 non si ferma, e anzi, rincara la dose!
Nelle ultime ore, infatti, è stata presentata la A480 Gibson LMP1 nuova competitor nella categoria madre dell’endurance: l’ hypercar.

E’ questo un anno pieno di scommesse per la casa francese, non a caso Luca de Meo, CEO Renault, l’ha definito “il più ambizioso programma di sempre”.
L’obiettivo è trasportare Alpine nella nuova generazione, ma memori delle glorie passate, come l’ultima vittoria a Le Mans del 1978.

1978 – La Renault vince la 24 Ore di Le Mans

Eppure non si tratta di una vera e propria hypercar: la Alpine A480 infatti nasce dalla vettura Rebellion RB13, costruita sulle basi di un telaio in carbonio realizzato da Oreca Company.

Lo sviluppo sarà seguito da Signatech, nuovo partner 2021, il cui obiettivo sarà assicurare maggiore potenza, meno peso e un’aerodinamica più raffinata e complessa.

La propulsione è affidata ad un motore V8 da 4.5 litri fornito da Gibson Technology, accoppiato ad un cambio dotato di 6 marce. La potenza ammonta a più di 600 cavalli, tutto per un peso di circa 900 chilogrammi che andrà a poggiare su pneumatici Michelin 31-71/R18.

Il chiaro obiettivo che si prefissa il team principal Philippe Sinault è ambire al podio ad ogni singolo evento.
Riusciranno nonostante la fortissima competizione che caratterizza questa categoria?

La Squadra
2021 – La squadra WEC di Alpine: da sinistra Matthieu Vaxivière, Nicolas Lapierre, André Negrão e Philippe Sinault

Ma andiamo ora ad analizzare la line up presentata insieme alla vettura.

Il francese Nicolas Lapierre, classe 1984, si laurea campione LMP2 per ben due volte, nel 2016 e nel 2019.
La sua scuderia lo descrive come “veloce, esperto nella gestione degli pneumatici e del carburante, nonché dotato di un forte spirito di squadra”.

André Negrão, nato a Sao Paulo nel 1992, una vera e propria rivelazione. Ormai è uno dei capisaldi del team Alpine.

Infine, la giovanissima new entry Matthieu Vaxiviere, sul podio alla 24 Ore di Sebring di quest’anno, è descritto come versatile, instancabile e determinato.
Pare proprio che si tratti di una line up di piloti con aspetti particolarmente complementari tra loro, decisamente ben assortiti.

Fatte le presentazioni, è quasi il momento di partire.
Il primo evento è infatti previsto a il 1 maggio a Spa-Francorchamps, in Belgio, per poi proseguire con  la 8 ore di Portimao (13 giugno), la 6 ore di Monza (18 luglio), l’attesissima 24 Ore di Le Mans (21-22 agosto), la 6 ore di Fuji in Giappone (26 settembre), per concludere in Bahrein il 20 novembre.

In conclusione, va certamente premiato il coraggio mostrato da Alpine in questo 2021, che speriamo essere anno di rinascita e nuove glorie.
Eppure sorge spontaneo un piccolo dubbio: a fare tante cose, c’è sempre il rischio di non concluderne bene nessuna.

, ,
Marisa Russo

Classe 1997,
studentessa di Giurisprudenza all'Università Federico II di Napoli.
La Formula 1 ed il motorsport non sono una passione, ma un retaggio culturale.

Post Simili
Latest Posts from Full Gas

1 Comment

  1. […] WEC | Nuova sfida per Alpine: la A480 entra in Hypercar. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.