Copertina
Tempo di lettura: 4 minuti

Prestazione maiuscola dei team motorizzati Honda, durante il 3 ° giorno di test prestagionali del Bahrain. Max Verstappen chiude la giornata con il miglior tempo della Red Bull, dopo l’assolo mattutino del compagno di squadra Sergio Perez. Una superba Alpha Tauri ed un altrettanto incredibile Yuki Tsunoda completano la tre giorni di test alle spalle del pilota olandese con un distacco di soli 93 millesimi. Incerta la Mercedes con un Lewis Hamilton ancora rallentato da un retrotreno indisciplinato. Buone sensazioni da Ferrari con Carlos Sainz Jr. terzo.

Si è conclusa la tre giorni di test prevista per l’ anticipo di stagione 2021. Test che alla fine della tornata del pomeriggio di oggi hanno evidenziato, con una buona approssimazione, la tendenza generale della prossima stagione.

Iniziamo dai migliori di giornata Max Verstappen e Yuki Tsunoda. I due piloti, accomunati dalla motorizzazione Honda lanciano uno sguardo nuovo sui valori in pista; chiudendo con 1:28.960 per Verstappen e 1:29.053 per il debuttante Yuki Tsunoda. Rilevi cronometrici allineati con quelli fatti registrare sullo stesso circuito durante le qualifiche dello scorso anno. Sia da Red Bull (1’28″355 per Verstappen) che da Mercedes(1’28″618 Hamilton e 1’28″721 Bottas).

In questo senso i tempi registrati in questa occasione, delineano l’ottimo livello qualitativo dei progetti presentati dalle scuderie “sorelle” Red Bull ed Alpha Tauri. Che si confermano come ottime candidate ai primi posti delle griglie di partenza 2021. Se non addirittura come dirette avversarie della stella a tre punte (specialmente nel caso di Red Bull) almeno nel primo Gran Premio della stagione 2021.

Colpisce molto la prestazione del giapponese dell’ Alpha Tauri che, al debutto in F1, mostra già un approccio aggressivo e deciso sulle curve del circuito barenita.

Facendo chiaramente presuppore la crescita di quel talento, già evidenziato con il terzo posto nella classe cadetta; che gli è valso il passaggio dalla F2 alla F1.

Yuki Tsunoda – Alpha Tauri AT02

L’interessante terzo posto finale di un altro debuttante della tre giorni del Bahrain, Carlos Sainz Jr, fa ben sperare la Ferrari ed i suoi Tifosi.

Il n.55, qui in Bahrain è per la prima volta al volante della Rossa su un circuito ufficiale del mondiale di F1. Ma sembra aver progressivamente preso confidenza con la SF21 migliorando ad ogni giro l’approccio con la monoposto. Un risultato confermato anche dalle buone prestazioni di Charles Leclerc, 2° in mattinata e 10° nella classifica finale, oltre che degli altri team motorizzati Ferrari.

Carlos Sainz Jr. – Ferrari SF21

In particolare Alfa Romeo, con Kimi Raikkonen che ha agguantato il 4° tempo finale, ha mostrato notevoli miglioramenti durante tutta la 3 giorni del Bahrain; anche alla luce degli ottimi risultati raggiunti da Antonio Giovinazzi negli scorsi giorni di prove.

È forse il segno di un miglioramento della capacità velocistica e prestazionale della power-unit Ferrari 065/2. Rispetto a quella della sciagurata stagione 2020 carente sotto ogni punto di vista, anche per quanto riguardava i team clienti.

5° tempo per Lewis Hamilton, con una Mercedes opaca che probabilmente dopo le modifiche aerodinamiche imposte dalla FIA per quanto riguarda il fondo piatto, deve ancora ritrovare l’equilibrio totale della propria monoposto.

La W12 sia con Hamilton che con Bottas, è apparsa infatti particolarmente instabile ed “indisciplinata” al retrotreno (emblematico il 360° dell’ inglese a 24 minuti dalla fine dei test) nonostante l’uso della mescola più morbida.

Lewis Hamilton – Mercedes-AMG Petronas W12

Una instabilità denunciata in tutti e tre i giorni di test in Bahrain che ha impedito al campione del mondo in carica di mettere insieme tutti i settori veloci del circuito per un intero giro record.

Forse alla Mercedes di quest’ anno, manca ancora qualcosa per essere la dominatrice assoluta. E regalare ad Hamilton l’ottavo titolo mondiale senza che il pilota inglese debba mettere qualcosa di suo nella lotta.

Si conferma come una solida pretendente al ruolo di terza forza, la McLaren motorizzata Mercedes. Che con il 3° posto mattutino di Lando Norris (11° al termine) con gomma C3  ed il 7° posto finale di Daniel Ricciardo, con gomma C4, si propone come una delle migliori monoposto del lotto. La coppia, proprio nell’ ottica del grande lavoro di messa a punto di questi giorni, ha completato più di 110 giri nel corso della giornata. Mostrando netti miglioramenti alle già buone prestazioni dello scorso anno.

Aston Martin ha manifestato oggi ulteriori problemi meccanici, che hanno visto Sebastian Vettel perdere la possibilità di scendere in pista con la necessaria continuità. Il tedesco ha completato 56 giri, ma il problema – che si è rivelato essere una perdita di pressione del turbo – ha impedito a Vettel di partecipare agli ultimi 90 minuti della sessione.

Vettel che ha concluso 17 ° nella classifica dei tempi ed il suo compagno di squadra Lance Stroll 18 °ed ultimo  (80 giri), hanno entrambi girato su pneumatici medi per i loro run più veloci.

La scuderia di Silverstone mostra di avere ancora bisogno di parecchio lavoro intorno alla AMR21; che nonostante la “vicinanza” alla vettura campione del mondo 2020 non sembra ancora in grado di avere la stessa affidabilità.

Sebastian Vettel – Aston Martin AMR21

I test pre-stagionali 2021, in conclusione ci restituiscono un panorama in cui, il ritmo dei team motorizzati Honda, ha aumentato le variabili nei pronostici della stagione.

Tanto che persino Lewis Hamilton ha ammesso che la Mercedes dovrà lottare, in particolare con la Red Bull, data la dimostrazione forza fornita da Verstappen e Perez in Bahrain in questi tre giorni.

Ma chi è realmente il più veloce, al netto delle tattiche “evasive” (peraltro poco presenti quest’ anno dato il poco tempo a disposizione) messe in atto dai team? Ne avremo conferma il 28 marzo con il primo Gran Premio della stagione, che si terrà proprio in Bahrain.

, , , , ,
Post Simili
Latest Posts from Full Gas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.