Tempo di lettura: 6 minuti

Presentata nella mattinata di oggi la F1 W12, nuova arma della “corazzata” Mercedes per la conquista del Campionato Mondiale di F1 2021. Dopo 12 settimane dall’ ultima bandiera a scacchi del 2020, Mercedes inaugura ufficialmente una struttura all’avanguardia realizzata negli ultimi 18 mesi a Brackley. E delinea chiaramente le proprie intenzioni per la stagione in arrivo: vincere ancora.

Non sempre uscire da vincitori permette ai campioni in carica di rilassarsi.

È il caso del team Mercedes che, dopo l’ennesima cavalcata trionfale del 2020, ha lavorato intensamente sulla nuova vettura per il mondiale 2021 durante tutto l’inverno.

Il frutto di questo lavoro è stato presentato nella mattinata di oggi, con un evento social, particolarmente sobrio.

Stiamo parlando della Mercedes-AMG F1 W12 E Performance.

La nuova creatura di Brackley, come sottolineato dal team, è la prima auto della stella a tre punte a utilizzare la designazione “E PERFORMANCE”.

Una denominazione che esprime un contatto sempre più stretto con la produzione di serie Mercedes. E che sarà utilizzata come etichetta per le imminenti auto ibride ad alte prestazioni Mercedes-AMG.

Tali vetture presenteranno tecnologie di derivazione diretta dalla F1; con particolare riferimento a quelle provenienti dalla sezione AMG High Performance Powertrains di Brixworth.

Mercedes-AMG F1 W12 E Performance

La F1 W12 si presenta nella ormai consueta livrea a fondo nero, sulla quale spicca la novità del logo AMG. Che sostituisce l’ iconico simbolo della Stella a Tre Punte delle scorse stagioni, utilizzato in serie sul cofano motore.

Un nero che sfuma nel tradizionale argento da corsa Mercedes sulla pinna posteriore della vettura; testimonianza storica del marchio tedesco in F1.

Sempre ben evidente il colore verde del Title Sponsor Petronas su fiancate, muso ed ali. Che insieme al rosso bordeaux di Ineos (aumentato nella superficie rispetto al 2020), delinea una identità visiva particolarmente significativa.

Nello specifico il riferimento è rivolto proprio a questo ultimo sponsor, per la presenza di una più estesa componente bordeaux. Che visualmente evidenzia l’ aumento della partecipazione attiva di Ineos nelle attività tecniche ed economiche della squadra.

I marchi AMG ed il marchio Ineos maggiormente evidente sull’ airscope

La società inglese infatti inizia un nuovo cammino a fianco del team, dopo l’ annuncio dato alla fine dello scorso anno. Che attribuisce in parti uguali a Toto Wolff Daimler e INEOS, un terzo dell’ azionariato della squadra.

Ed è proprio il Team Principal della scuderia di Brackley, ad esprimere la propria soddisfazione per l’ accordo raggiunto.

“Il fatto che siamo stati in grado di attrarre INEOS come investitore dimostra che abbiamo un forte business-case. E che la F1 continua ad essere una piattaforma molto interessante per grandi marchi e aziende “, ha affermato Wolff.

“Stiamo anche assistendo a un leggero cambiamento nel modo in cui i team di F1 operano come limite di costo. E la nuova struttura ci sposta verso un modello di business più familiare ai franchising sportivi americani.

Allo stesso tempo, avere tre forti azionisti in squadra ci dà ancora più stabilità per il futuro.

A livello personale, sono molto felice di impegnarmi nella squadra a lungo termine, aumentando leggermente la mia quota. Ho sempre detto che questa squadra è come una famiglia per me; e sono incredibilmente orgoglioso di ciò che abbiamo realizzato insieme.”

Ma le novità della F1 W12 non si fermano all’ estetica della vettura ed alla riorganizzazione del team.

La più grande sfida tecnica sulle auto di F1 del 2021 è stato l’adattamento alle nuove norme FIA sull’ aerodinamica delle vetture. Che prevedono l’ introduzione di numerosi cambiamenti significativi nelle principali aree di prestazione dell’auto.

Su questo tema James Allison, direttore tecnico del team ha spiegato quella che è stata la filosofia progettuale della F1 W12.

“Se stai cercando di rallentare un’ auto – ciò che la modifica del regolamento era destinata a fare – la variazione del fondo è di gran lunga il modo più semplice ed economico per raggiungere il tuo obiettivo”, ha affermato Allison.

“Il fondo è un componente aerodinamico così importante che piccoli cambiamenti geometrici portano grandi riduzioni delle prestazioni. Una volta stabilite le regole, il nostro compito era capire come recuperare le perdite dovute alle modifiche.”

I tagli che saranno effettuati sulla nuova W12, evidenziati sul fondo della vettura 2020

Una sfida significativa per i progettisti Mercedes, che attraverso quattro punti principali hanno cercato di recuperare le prestazioni perse con i cambi regolamentari:

  • Un ritaglio triangolare sul bordo del fondo, davanti alle ruote posteriori.
  • Riduzione della campata delle alette del condotto del freno posteriore, di alcuni centimetri.
  • Riduzione dell’altezza dei due tratti interni più vicini alla linea centrale dell’ auto, nel diffusore.
  • Sigillatura delle fessure nel fondo attorno ai “bargeboards”.
La sigillatura delle fessure nel fondo della W12 attorno ai “bargeboards”
evidenziati sul fondo della vettura 2020

In aderenza con le nuove norme regolamentari, comunque, gran parte della vettura manterrà le caratteristiche già viste nel 2020.

Tranne che per le modifiche suddette e per quelle che vedranno l’ utilizzo dei due token messi a disposizione dalla FIA  per ciascuna delle squadre.

Su questo punto Allison non ha voluto dare particolari indicazioni. Mantenendo una riservatezza che lascia intuire margini di sviluppo della vettura 2021 abbastanza ampi .

“Abbiamo speso i nostri token, ma non riveleremo come li abbiamo ancora usati” ha affermato il tecnico inglese.

“Sarà chiarito in tempo utile. Una volta che le corse iniziano, praticamente tutto sotto la pelle dell’auto deve essere congelato per tutto l’ anno. Con l’ autorizzazione specifica della FIA, puoi apportare modifiche per l’ affidabilità o il risparmio sui costi; ma se parte della tua auto non funziona bene, allora rimani bloccato per tutta la stagione.”

Immagine
L’ala anteriore della Mercedes F1 W12

Dal punto di vista motoristico, Mercedes ha sviluppato la nuova power unit M12. Sulla quale, Mercedes AMG High Performance Powertrains, ha perseguito ogni possibile miglioramento.

Una serie di upgrade che in pista saranno determinanti per tutte e otto le vetture che il motore Mercedes alimenterà in questa stagione.

Hywel Thomas, a capo del settore motori nel team, ne ha descritto le caratteristiche principali chiarendo quelle che saranno le possibilità dell’unità in pista.

“Stiamo entrando nell’ottava stagione di regolamenti piuttosto stabili, quindi abbiamo una buona conoscenza degli attuali motori ibridi “, ha affermato Thomas.

“Il nostro nuovo prodotto è una caratteristica unità di potenza Mercedes-AMG, ma abbiamo lavorato duramente per fare il prossimo passo di sviluppo. Regolamentazioni stabili significano che sta diventando sempre più difficile sbloccare prestazioni aggiuntive, quindi è necessario un approccio mirato.

Abbiamo identificato tre aree principali su cui lavorare:

in primo luogo, abbiamo continuato lo sviluppo della tecnologia nell’unità di potenza. È un processo continuo e riteniamo di essere stati in grado di fare un passo avanti su questo fronte anche quest’anno.

La seconda area è l’affidabilità. L’anno scorso abbiamo scoperto alcuni problemi di progettazione, quindi li abbiamo esaminati e introdotto alcune modifiche per affrontarli.

E abbiamo anche alcune innovazioni completamente nuove che saranno per la prima volta nella PU da corsa. Ciò è stato particolarmente impegnativo perché la scorsa stagione è terminata in ritardo, quindi il periodo invernale è stato più breve del normale e ci ha dato meno tempo per prepararci, il che ha messo a dura prova il business.”

Un aumento del carico di lavoro di produzione coinciso anche con l’arrivo della McLaren; che si è unita al gruppo dei team dei clienti presentando una sfida entusiasmante da affrontare, per il reparto powertrain di Brixworth, in questi ultimi mesi.

Grande impegno da parte di Mercedes-AMG dunque: ma sicuramente anche grandi possibilità di risultato.

Nell’ ottica di un traguardo storico che il team di Brackley intende onorare: regalare a Lewis Hamilton la vetta storica del Mondiale n. 8. Scrivendo in questo modo anche il proprio nome nella storia dell’ automobilismo sportivo insieme a quello del pilota inglese.

, , , , ,
Post Simili
Latest Posts from Full Gas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.