Tempo di lettura: 4 minuti

Continua l’ avvicinamento alla stagione 2021 con la presentazione, avvenuta alle prime ore di venerdi 19/02 della nuova AlphaTauri AT02. La vettura del team di Faenza, che è la seconda svelata nel 2021 dopo la McLaren MCLM 35, sarà equipaggiata con i motori Honda. Gli stessi che verranno montati sulla “sorella maggiore” Red Bull nelle prossime stagioni di F1. Una scelta che il costruttore giapponese sembra voler proseguire sino al 2025, anche se sotto la denominazione Red Bull Powertrains Limited.

La stagione di F1 si avvicina alla partenza. Svelando una alla volta le monoposto che scenderanno in campo il prossimo 28 marzo per l’inizio del Campionato del Mondo 2021.

Dopo la presentazione della McLaren, avvenuta lo scorso 15 febbraio, nelle prime ore di questo venerdì anche Il team AlphaTauri ha svelato la nuova vettura che scenderà in pista nel mondiale 2021.

È la AlphaTauri AT02, che sarà condotta in pista dall’ ormai esperto pierre Gasly, vincitore di un rocambolesco GP d’Italia 2020, e dal giovanissimo Yuki Tsunoda stella emergente dell’ automobilismo giapponese in F2 e F3.

Pierre Gasly e Yuki Tsunoda – Scuderia AlphaTauri

La vettura sarà ancora una volta motorizzata Honda, (e forse anche per questo si fa significativa la presenza di Tsunoda). Dopo l’ annuncio che ha riconfermato la presenza del motorista giapponese nel ranking del mondiale di F1, almeno sino al 2025.

Una presenza che però che in pieno accordo con l’abbandono ufficiale del marchio alle competizioni definito nel 2020, assumerà a partire dal 2022 il marchio della neonata  Red Bull Powertrains Limited.

Quest’ ultima società, diretta emanazione della casa madre Red Bull, porterà avanti la tecnologia dei motori Honda in F1. Anche nell’ ottica del patto di “congelamento” dei motori, stipulato nei giorni scorsi.

Franz Tost, team principal della AlphaTauri ha commentato in tal senso con soddisfazione il raggiungimento dell’ accordo. Che assicura a Red Bull ed alla sua scuderia satellite il futuro in F1.

Il Team Principal della Scuderia AlphaTauri Franz Tost

“È davvero un peccato che la Honda abbia deciso di fermarsi alla fine di quest’anno. Perché gli ingegneri di Sakura hanno fatto un lavoro fantastico negli ultimi anni.

Attualmente la Power Unit Honda ha raggiunto un livello di competitività e affidabilità molto alto. Quest’anno avremo un ulteriore sviluppo della PU e mi aspetto un miglioramento delle prestazioni sia per la Scuderia AlphaTauri che per la Red Bull Racing.

Honda ha investito tutte le sue energie, intensamente e instancabilmente, sulla tecnologia ibrida per dare vita a una Power Unit altamente competitiva. E il nostro rapporto con loro è sempre stato produttivo e piacevole. È per questo che la decisione di fermarsi alla fine del 2021 è stata piuttosto deludente per il team. Oggi, siamo felici di poter continuare a utilizzare la tecnologia delle Power Unit Honda, gestita dalla neonata Red Bull Powertrains Limited.

Voglio ringraziare la FIA, il management della Formula 1 e tutti i team per aver concordato all’unanimità il congelamento dello sviluppo dei motori a partire dal prossimo anno. Cosa che ha permesso di giungere a questo accordo. Crediamo che questa soluzione sia la migliore per il futuro della Red Bull Racing e della Scuderia AlphaTauri.

E ci accompagnerà fino all’introduzione della prossima generazione di motori nel 2025. Sarà anche un’ulteriore motivazione per provare a ottenere i migliori risultati possibili nell’ultima stagione di Honda in questo sport”.

Parlando degli obiettivi 2021 della scuderia, il manager austriaco ha anche posto alcuni punti fermi su quella che intende essere la filosofia di approccio alle gare per la prossima stagione.

“Obiettivi? Nel 2020 la Scuderia AlphaTauri è stata una squadra di centro gruppo. Abbiamo lottato con successo contro altri team come McLaren, Renault e Racing Point. Ma il nostro obiettivo per quest’anno è quello di essere costantemente al vertice del midfield e migliorare ulteriormente. Per raggiungere questo obiettivo dobbiamo stare alla larga dai problemi di affidabilità e finire tutte le gare a punti. Questo sarà possibile solo se non commetteremo errori e rimarremo concentrati al 100% sul nostro lavoro, gara dopo gara, dentro e fuori la pista. Perché i nostri avversari sono molto forti”.

Un programma che seppur ambizioso potrebbe rivelarsi possibile, visti gli ottimi risultati ottenuti lo scorso  anno dalla scuderia faentina. Nell’ ambito di un campionato sicuramente anomalo rispetto a quelli degli anni precedenti.

L’augurio è che anche l’AlphaTauri contribuisca ad aumentare lo spettacolo in pista di una F1 che sempre di più ha bisogno di forze nuove in campo.

Forze che, seppur facenti parte del cosiddetto “midfield”, riescano a dirottare gli obiettivi dei media (in particolare quelli televisivi) verso zone della pista non occupate dalla monotona avanzata dell’ “armata Mercedes”.

, , , , ,
Post Simili
Latest Posts from Full Gas

1 Comment

  1. […] F1 | Presentata l’ AlphaTauri AT02: l’ altro “Toro” di Honda. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.