Tempo di lettura: 3 minuti

Le incertezze per il Covid19 vissute nel Calendario della F1 2020 continuano a manifestarsi anche per la Stagione 2021. Gli organi direttivi di F1 ammettono infatti la possibilità di un doppio appuntamento in Bahrain, nel caso di un annullamento del GP del Portogallo. Una variazione che come conseguenza porterebbe ad un possibile slittamento di sette giorni della gara di Imola.

L’emergenza pandemica determinata dal Covid19, continua ad interessare i calendari dello sport automobilistico anche nel 2021 così come verificatosi nel 2020.

Quella che avrebbe potuto essere la stagione di F1 più lunga nella storia della classe regina dell’ automobilismo, potrebbe veder sfumare un’ altra gara.

Dopo l’ annullamento del GP del Vietnam dello scorso novembre, il rinvio del GP d’ Australia e quello ormai certo del GP di Cina, anche il GP del Portogallo potrebbe confermare l’ uscita dalla lista degli eventi 2021.

L’ intera nazione è infatti alle prese con una seconda ondata del virus. Che sta colpendo molto più pesantemente il paese rispetto a quanto accaduto con la prima ondata pandemica. In questo contesto le autorità portoghesi non possono ancora dare alcuna conferma sulla possibilità di effettuazione della gara.

La competizione portoghese avrebbe dovuto riempire la casella in corrispondenza della data del 2 maggio. In sostituzione proprio di quella vietnamita, dopo il forfait di quest’ ultima.

Ma a questo punto le soluzioni prospettate dal CEO di F1 Group Stefano Domenicali, durante una conferenza stampa, prevedono ulteriori varianti.

“Tutti pensavamo – ha dichiarato Domenicali – che questa stagione sarebbe filata via più liscia della scorsa, ma non è così. Abbiamo comunque organizzato un campionato di 23 gare, il più nutrito di sempre, e resto ancora convinto che si possa realizzare. Ma dobbiamo ovviamente essere flessibili.

C’è una data da confermare e se sarà confermata sarà in Portogallo. Non è stata ancora confermata perché la situazione non è definita. Non appena possibile, potremo annunciare qualcosa e sarà nei prossimi giorni, non nei prossimi due mesi. Ho degli incontri personali durante questo fine settimana per capire qual è lo stato della situazione. E uno dei possibili ‘piani B’ potrebbe essere una doppia gara in Bahrain. Ma questo è solo un piano e nulla è confermato. Ci stiamo concentrando sul cercare di mantenere il calendario così com’è.

Confermo invece che Imola si farà. Sento quotidianamente gli organizzatori, sono tutti pronti a organizzare le corse, con o senza pubblico”.

Il circuito di Sahkir in Bahrain

Domenicali ha voluto definire anche quella che potrebbe essere la situazione del GP di Cina, appuntamento che per il momento è in standby:

“Il governo ci ha fatto sapere che sino all’estate non ospiterà eventi internazionali. Ma sapete quanto è importante per noi quel mercato, Shanghai potrebbe subentrare in caso di qualche cancellazione“.

L’eventuale sostituzione del GP del Portogallo con un Bahrain n.2, da disputarsi con modalità simili a quelle dello scorso anno, potrebbe comunque variare alcune delle date previste in campionato.

Va osservato infatti che nonostante l’assoluta riconferma della presenza del Gran Premio del Made in Italy e dell’ Emilia Romagna ad Imola nel calendario 2021, la data di questo evento potrebbe essere traslata di una settimana.

Permettendo in questo modo di far fronte alle esigenze logistiche e sanitarie legate agli spostamenti delle squadre. Impegnate nella doppia trasferta a Sakhir oltre che per week end del 26-28 marzo anche per quello del 2-4 aprile 2021.

Permane quindi una incertezza che nonostante tutto continuerà ad influenzare l’andamento di questa stagione di F1, che si preannuncia già molto simile a quella 2020. In attesa dell’ arrivo della “rivoluzionaria” stagione 2022, nella quale la F1 si giocherà tutte le carte possibili per il ritorno dello spettacolo in pista.  

, ,
Post Simili
Latest Posts from Full Gas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.