Tempo di lettura: 2 minuti

Adrian Campos, ex pilota di F1 e proprietario dei team che portano il suo nome in F2 e F3, è morto all’età di 60 anni. Lo spagnolo era stato pilota per la Minardi nelle stagioni di F1 1987 e 1988 disputando con la scuderia di Faenza 21 GP. Ma viene ricordato anche come lo scopritore del talento di Fernando Alonso.

Nelle prime ore di questa mattina ci ha lasciato Adrian Campos uno dei nomi più conosciuti del motorsport internazionale. Figura di spicco sia come pilota che come team manager e proprietario della scuderia che porta il suo nome.

“È con grande tristezza – si legge nella nota diramata stamattina da Campos Racing – che informiamo che Adrian Campos, fondatore e presidente della scuderia, è scomparso in seguito a un problema cardiaco. Tutta la famiglia Campos e il team soffrono per questa terribile perdita. È stato un grande privilegio aver lavorato fianco a fianco con un uomo coraggioso e innovatore. Il motorsport è stata la sua vita, la sua determinazione e le sue qualità umane sono il nostro modello di riferimento. La tradizione sportiva che ci ha lasciato è enorme, la proteggeremo per sempre”.

Ed ancora su Twitter:

“Il suo cuore ha smesso di battere, ma la sua memoria sarà il motore che ci farà lottare per continuare la sua eredità”

Campos era nato il 17 giugno 1960 ad Alzira nella comunità autonoma Valenciana, ed è stato uno dei piloti che negli anni 1987 – 1988 si sono succeduti alla guida della Minardi di F1. La stessa squadra con cui avrebbe fatto il suo esordio uno dei talenti che lo spagnolo nella sua carriera di talent-scout avrebbe scoperto negli anni successivi: Fernando Alonso.

Sostituito al volante della Minardi da Pierluigi Martini nel corso della stagione 1988 dopo il GP dal Canada, lo spagnolo divenne campione spagnolo di Superturismo guidando una Alfa Romeo 155 nel 1994.

La carriera di Campos aveva coperto praticamente tutti i campi dell’ attività motoristica. Viaggiando dal ruolo di pilota a quello di team manager e proprietario del team Campos Racing. Passando anche dall’ esperienza di talent- scout e manager di piloti quali, oltre ad Alonso, Marc Gené ed in questi ultimi anni Jack Aitken.

Un giovane Fernando Alonso con Adrian Campos

L’attività dello spagnolo in F1, dopo la sua esperienza come pilota, era ripresa nel 2010 con la nascita della Campos Grand Prix. Rinominata in seguito Hispania Racing Team e infine solo HRT F1 Team dalle iniziali del nome originario del team. Un’avventura durata solo tre stagioni, con ben nove piloti diversi tra i quali Vitantonio Liuzzi e  Daniel Ricciardo. Condotta con mezzi economici limitati, in condizioni particolarmente difficili e sempre in lotta per non classificarsi all’ultimo posto della classifica costruttori.

Campionati difficili che avevano convito Campos a concentrare la sua attenzione di manager sulla F2 e F3 negli anni successivi, dove aveva raccolto maggiori soddisfazioni. Successi di cui ancora oggi poteva vantare la paternità.

La redazione di Full Gas si unisce al cordoglio della famiglia, della scuderia Campos ed a quello di quanti lo avevano conosciuto.

, , ,
Post Simili
Latest Posts from Full Gas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.