Tempo di lettura: 3 minuti

Dopo la possibilità di rinvio per il GP di Australia emersa la scorsa settimana, anche l’ organizzazione del GP di Cina chiede ufficialmente il rinvio per la gara in programma l’ 11 aprile 2021. Il promotore, Juss Events, chiede un cambio di data per la fine della stagione. Un cambio che potrebbe coinvolgere ulteriori modifiche al calendario.

Il Calendario della F1 2021 prospettato dalla FIA in 23 gare, potrebbe subire ancora variazioni simili a quelle del 2020. In ordine all’ evoluzione della situazione pandemica mondiale.

La stagione avrebbe dovuto iniziare con il Gran Premio d’Australia a Melbourne il 21 marzo. Dopo che nel 2020 era stata cancellata poche ore prima dell’inizio delle prove del venerdì.

L’Australia ha adottato un approccio rigoroso per limitare la diffusione del COVID-19 dallo scoppio dell’epidemia. Chiudendo i propri confini ai non residenti poco dopo la cancellazione della gara di F1 nel  marzo scorso.

Questo ha reso molto probabile il rinvio della competizione prevista per il 21 marzo 2021, con il conseguente posticipo dell’inizio della stagione di F1.

Ora anche l’organizzazione del GP di Cina in programma per l’ 11 aprile prossimo, ha richiesto ufficialmente a F1 la possibilità di posticipare l’evento ad una data prevedibilmente reperibile per la fine della stagione 2021.

 Yibin Yang, il direttore generale della società Juss Event, promotrice del GP di Cina, in una conferenza stampa con i media locali ha dichiarato:

“Siamo stati in contatto [ndr: con la F1] tramite teleconferenza quasi ogni settimana. Ma nonostante il calendario sia già in vigore, penso che sia estremamente incerto che la gara di F1 si possa svolgere nella prima metà dell’ anno, ad aprile. Puntiamo a spostarlo nel secondo semestre del 2021, e per questo abbiamo formalmente presentato richiesta di rimandarlo alla seconda metà dell’ anno“.

Yang ha fatto capire anche che per Juss Events adattare tutti i suoi eventi, riprogrammandoli nella seconda metà dell’anno, sarà una sfida molto impegnativa.

Veduta aerea del circuito del GP di Cina

“La possibilità di spostare l’evento della F1 nella seconda metà dell’anno, dipenderà dal piano del governo della città”, ha detto Yang. “Se mettiamo tutti gli eventi internazionali nella seconda metà dell’anno, l’impegno sarà al di sopra delle capacità della città. Ospitare eventi così importanti in rapida successione, richiede il ricorso a risorse pubbliche di massa, come polizia e dipartimenti sanitari. Se dovremo ospitare tutti i principali eventi nella seconda metà dell’anno, dovremo affrontare una mancanza di risorse pubbliche. Così come conflitti in termini di marketing tra i vari eventi”.

In seguito allo scoppio del COVID-19, la Cina è rimasta vigile nell’attuare restrizioni atte a prevenire la diffusione del virus. Applicando tuttora una quarantena di 14 giorni per tutti gli arrivi internazionali.

Ha evitato in questo senso qualsiasi evento sportivo internazionale sin dallo scoppio del COVID-19. E ha cancellato sia la prevista gara di Formula E di Sanya che alcuni eventi di prova per le Olimpiadi invernali del 2022 programmati per l’inizio del 2021.

Una riprogrammazione del GP di Cina non farebbe che aumentare le problematiche che la F1 dovrà affrontare nella seconda metà dell’anno. Con anche l’Australia alla ricerca di una data.

Al momento infatti sono presenti solo quattro fine settimana liberi tra la fine della pausa estiva e il finale di stagione di Abu Dhabi il 5 dicembre.

Una tempistica che richiederebbe di nuovo un grosso sforzo in termini logistici all’ intero Circus della F1. Dovendo ridurre gli intervalli destinati alla preparazione dei GP.

L’apertura di una nuova “finestra” temporale all’ interno del calendario 2021, potrebbe ulteriormente rinforzare la possibilità della presenza di un GP da disputarsi sul circuito Enzo e Dino Ferrari di Imola.

Una evenienza resa probabile per la data del 25 aprile 2021 (inserita nella griglia come “To Be Confirmed”) ed ancora non confermata.

Nonostante la presenza della pagina per l’ acquisto dei biglietti presente nel sito F1.com continui a far sperare i tifosi italiani…

, , ,
Post Simili
Latest Posts from Full Gas

1 Comment

  1. […] F1 | GP di Cina 2021: l’organizzazione chiede il rinvio. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.