Tempo di lettura: 3 minuti

La Pirelli contrariamente all’orientamento mostrato nella parte iniziale del 2020, fornirà pneumatici di nuova concezione ai team durante la stagione 2021. Le nuove coperture, testate in occasione delle prove libere di alcuni GP del 2020, non sono state ben accolte dai piloti. Nuovi grattacapi per i team nella gestione gomme?

Uno dei problemi comuni a molte delle squadre nella stagione 2020, ha riguardato la resistenza degli pneumatici Pirelli utilizzati durante i week end di gara.

Hamilton osserva la foratura della gomma anteriore della sua Mercedes W11

Una criticità in gran parte legata all’aumento esponenziale del carico aerodinamico. Un risultato ottenuto attraverso un affinamento ed uno sviluppo continuo delle vetture, durante tutto l’arco del campionato.

Proprio a questo scopo, il produttore italiano di pneumatici ha proceduto ad una revisione della struttura delle coperture, modifica che ne ha aumentato la robustezza. Ma che ha anche avuto un impatto importante sulla maneggevolezza della vettura, diminuendone la velocità di percorrenza in particolare sul misto.

Molti piloti in questo senso, (tra loro Hamilton e Vettel) durante i test in Bahrain, hanno manifestato problemi di sottosterzo. Senza peraltro vedere risolti i problemi di usura e surriscaldamento verificatisi nel 2020.

Il prototipo delle gomme 2021 sulla Mercedes W11 in Bahrain

Sulla scia di questa ondata di critiche, il team principal Mercedes Toto Wolff ha esortato i piloti a supportare Pirelli. Ed ha evidenziato che le nuove mescole sono necessarie per far fronte alle richieste di carico aerodinamico delle vetture attuali onde evitare ulteriori guasti.

Anche il direttore sportivo della Ferrari, Laurent Mekies, nei giorni scorsi, ha concordato sul fatto che le squadre dovranno preoccuparsi della resistenza delle gomme. Ma ha spiegato che anche in funzione di questo una ulteriore problematica cui dovranno far fronte sarà quella legata alla loro corretta finestra di funzionamento.

Laurent Mekies – Ferrari

Sappiamo che Pirelli ha deciso di costruire questo pneumatico nuovo per ragioni di sicurezza. Tutti noi vogliamo spingere il più possibile senza doverci preoccupare della sicurezza delle mescole. Ed il lavoro di Pirelli è orientato in questo senso.

Perciò si, le nuove mescole avranno meno grip, ed è una cosa che non ci piace. Ma se è il prezzo che dobbiamo pagare per ottenere tale certezza sono sicuro che andrà bene.

La parte difficile con queste gomme è che hanno meno grip, ma hanno anche cambi di bilanciamento in curva. Questo probabilmente significherà qualche grattacapo durante l’inverno per riuscire ad affrontarlo al meglio.

E non è solo un problema di minore grip. Le caratteristiche della gomma infatti sono piuttosto diverse”, ha aggiunto Mekies.

“Come supportare al meglio i nostri piloti nell’ affrontare il problema sarà un argomento, che dovremo affrontare nel breve periodo. Quel che è certo è che ci sarà un nuovo parametro nell’ equazione della classifica per il prossimo anno. “

Un ulteriore fattore che complica molto le operazioni dei team per lo sviluppo delle vetture 2021 derivate, in gran parte, da quelle di quest’anno.

Proprio per questo è probabile che l’ adattamento alla nuova gomma, sarà un fattore importante per superare gli avversari già dall’inizio della prossima stagione.

, ,
Post Simili
Latest Posts from Full Gas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.