Sergio Perez
Tempo di lettura: 4 minuti

Sul circuito esterno di Sakhir va in scena l’ennesimo pazzo GP!

al via Russel brucia in partenza Bottas, che ci ha abituato a partenze non brillanti. Dopo poche curve Leclerc arriva lungo in staccata, provocando un contatto con Perez. Il monegasco finisce nella sabbia e termina così la sua gara.


Verstappen, nel tentativo di evitare il ferrarista e Perez, finito in testacoda, esce di pista urtando le barriere. Gara finita anche per lui.


Safety car in pista nell’attesa che le vetture coinvolte vengano rimosse.
Probabilmente Leclerc si è ingolosito quando ha visto verstappen frenare prima per evitare il contatto con Perez e Bottas, progatonista di un’ennesima brutta partenza.

Al sesto giro si riparte, con Russel in testa. Sainz arriva come un fulmine in curva 1 e passa Bottas, ma taglia la curva e deve cedere di nuovo al finlandese.


Nelle retrovie Norris sorpassa Vettel per la nona posizione. La Ferrari proprio non tiene in un circuito così veloce e infatti il tedesco cede il passo anche ad Albon poco dopo, riuscendo però nel controsorpasso poco dopo.
Al 13mo giro Russel ha 1.8 secondi di vantaggio su Bottas, segue Sainz a circa 5 secondi dal leader.


Bottas appare un po’ in difficoltà a tenere il ritmo del giovane britannico, lo testimonia un bloccaggio in curva 1 al 140mo giro.


Al 20mo giro Bottas entra in azione e inizia a far registrare giri veloci, recuperando qualcosa su Russell, nel frattempo Albon e Norris si danno battaglia, con il pilota della Red Bull che sopravanza il britannico.


Albon viene sorpassato all’esterno in curva 2 da Perez, in un punto del circuito che sembra favorire i sorpassi.
al 27mo giro le Mercedes, come al solito, hanno fatto il vuoto dietro; con 15 secondi di vantaggio su Sainz, autore fino a questo momento di una gara sontuosa.


Iniziano i pit stop, mentre Russel inizia a far segnare giri veloci.
Le Alpha Tauri sembrano in forma su questa pista. al 30mo giro Gasly è sesto mentre Kvyiat è 11mo dopo il pit stop.
Dal muretto Mercedes avvisano i piloti di evitare il cordolo in curva 8, probabilmente per non provocare danni alla macchina.


Vettel nel frattempo risale in settiman posizione ma con la sosta ancora da effettuare, pit stop che avviene al 32mo giro, con il tedesco che rientra già doppiato dalle Mercedes, in 13ma posizione.


Al 37mo giro le Mercedes ancora non si fermano e Russel via radio comunica addirittura che le gomme si comportano ancora bene. il pit stop probabilmente sarà ritardato. il britannico stupisce per la consistenza, mettendo insieme una serie di giri praticamente identici e molto veloci.
A conferma del fatto che le vetture della casa di Stoccarda non solo sono performanti ma anche ben bilanciate, Russel viene richiamato ai box solo al 46mo giro, ripartendo con le hard, per andare fin a fine gara
Dopo la sosta delle due Mercedes, Russel ha un vantaggio di circa 8 secondi. la strategia dei tedeschi penalizza quindi il finlandese.


Alla fine del Walzer dei pit stop si ripristinano le posizioni originarie, con Sainz dietro le due Mercedes, distaccato di 15 secondi circa da Bottas.
Il secondo pit stop di Vettel arriva al 56mo giro in regime di virtual safety car e un problema all’anteriore sinistra lo costringe a una sosta molto lunga, rientrando in 12ma posizione.


Perez sfrutta al massimo tutte le occasioni che gli si presentano, guidando alla grande e al 58mo giro si ritrova terzo avendo effettuato una sosta, con la possibilità di arrivare fino in fondo se le gomme terranno.


Sainz si ferma per la sua seconda sosta e riparte settimo.
A causa di un testacoda di Aitken siamo di nuovo in regime di Virtual Safety Car e le mercedes effettuano un doppio pit stop, ma quello di Bottas è un disastro, con un problema all’anteriore destra, con il finlandese che rientra quinto, ma Russel deve di nuovo rientrare in quanto per errore gli hanno montato le gomme sbagliate. In questo caso il pit stop è stato un disastro!
Un errore incredibile per i campioni del mondo. Fino ad oggi i loro doppi pit stop erano stati un successo, in questo caso hanno rischiato di rovinare la gara ai due piloti. Per loro fortuna è capitato quando ormai i titoli mondiali sono già assegnati.


Il madornale errore Mercedes è seguito dalla sfortuna. Russell viene richiamato ai box in quanto ha una foratura, proprio mentre aveva recuperato fino al secondo posto e stava per attaccare Perez.


Dopo il pit stop George rientra in 15ma posizione, ma sorpasso dopo sorpasso risale fino alla nona, concludendo con 3 punti guadagnati in classifica mondiale, i suoi primi 3 punti, anche grazie al giro veloce fatto segnare con le gomme nuove.
Bottas Chiude ottavo, in enorme difficoltà con le gomme.
Vince Perez, per la prima volta i n carriera! Incredibile quello che succede a Sakhir, con il messicano protagonista di un incidente ad inizio gara con Leclerc. Alla fine del primo giro era 18mo e invece si impone sul circuito esterno del Barhain!


Prima vittoria per Perez in carriera. ma siamo proprio sicuri che la Formula 1 debba fare a meno di lui nel 2021? La Red Bull dovrebbe pensarci.

Il podio è quindi composto da Perez, Ocon e Stroll. un podio giovane, che forse segna un cambio generazionale in Formula uno!


Sfrotunato Russell, che aveva tutte le carte in regola per conquistare la sua prima vittoria, ma se Hamilton non dovesse partecipare all’ultima gara, l’appuntamento potrebbe essere solo rimandato.

Fabrizio Monaco

Ideatore di Full Gas e pilota amatoriale. Mi interesso di tutto ciò che abbia quattro ruote, un telaio e un motore.

Post Simili
Latest Posts from Full Gas

3 Comments

  1. […] F1 | Perez conquista la sua prima vittoria in carriera! […]

  2. […] F1 | Perez conquista la sua prima vittoria in carriera! […]

  3. […] F1 | Perez conquista la sua prima vittoria in carriera! […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.